Benedizione nera

Cheta
acqua sei.

Io:
ponte
crollato.

Scosso: vortici impetuosi
mi scuotono ancora.

Ti guardo.

Sei essenza che muta: da acqua ferma
a pietra immota, poi
un uccello nel cielo d’inverno,
un’Idea, un Atto,
e l’innominabile pulsione…

Nella boscaglia di rovi e ortiche
sterco di ratto, penne di corvo…
fruscii fra gli arbusti secchi.

Non ho pregiudizi su di te, bambina,
né mi spaventano le tue demonizioni; di te
so tutto, puttana vudù: conosco bene
l’odore svelto del predatore che passa.

Vivi nel nero, o regina straniera:
vesti di nero, nero tulle, pizzo nero
e la tua pelle è pallida e perlacea
e il tuo respiro
è quello d’una tomba sbarrata.

Quando mi baci
sento il fetore di dimore abbandonate
e di sudici sottoscala, e di cantine
murate, dove
s’ammassa quel silenzio oscuro e viscoso
che solo certi luoghi dimenticati
hanno.

Quando mi parli, amore,
sento il richiamo afflitto della civetta
e il gemito del vento di febbraio
quando spira tra i rami nudi dei pioppi.

Follow/like/share!

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *